Porta le cose importanti dal tuo armadietto dei medicinali Imballa i medicinali soggetti a prescrizione che tuo figlio prende.

Porta le cose importanti dal tuo armadietto dei medicinali Imballa i medicinali soggetti a prescrizione che tuo figlio prende.

Sebbene il farmaco abbia ridotto il rischio complessivo di cancro del 25%, medici e scienziati temevano che potesse in qualche modo peggiorare il cancro se fosse già presente. I due nuovi studi, tuttavia, offrono rassicurazione. Suggeriscono che la diagnosi precoce (dovuta a prostate relativamente più piccole), così come la capacità del farmaco di inibire alcuni tumori di basso grado, ha contribuito all ‘”aumento” dei tumori di alto grado, non la finasteride stessa. Fonti: Lucia MD, Epstein JI, Goodman PD, et al. Finasteride e cancro alla prostata di alto grado nel processo di prevenzione del cancro alla prostata. Journal of the National Cancer Institute 2007 (pubblicazione elettronica). PMID: 17848673. Cohen YC, Liu KS, Heyden NL, et al. Bias di rilevamento dovuto all’effetto della finasteride sul volume della prostata: un approccio di modellazione per l’analisi della sperimentazione sulla prevenzione del cancro alla prostata.

Journal of the National Cancer Institute 2007 (pubblicazione elettronica). PMID: 17848668. Pubblicato originariamente nell’aprile 2009; ultima revisione 24 febbraio 2011. Stampa CONTENUTO ARCHIVIO: come servizio ai nostri lettori, Harvard Health Publishing fornisce l’accesso alla nostra libreria di contenuti archiviati. Si prega di notare la data in cui ogni articolo è stato pubblicato o l’ultima recensione. Nessun contenuto di questo sito, indipendentemente dalla data, deve mai essere utilizzato come sostituto del consiglio medico diretto del proprio medico o di un altro medico qualificato. Seguimi su @mallikamarshall Se il tuo dottore ti dicesse che ti sta dando un placebo e che ti avrebbe aiutato, le crederesti? A quanto pare, sulla base di nuove ricerche, forse dovresti. I placebo sono spesso considerati trattamenti “falsi”. Potresti averle sentite descritte come “pillole di zucchero”. Di solito assumono la forma di pillole, iniezioni o persino intere procedure che vengono utilizzate negli studi clinici per testare trattamenti “reali”.

Ad esempio, a un gruppo di partecipanti allo studio viene somministrato un farmaco attivo e a un altro gruppo un placebo, che assomiglia esattamente al farmaco attivo ma è completamente inattivo. I partecipanti non possono dire se stanno assumendo la droga falsa o la droga vera. I ricercatori aspettano di vedere se le persone che prendono quello vero fanno meglio (o peggio) di quelle che prendono quello falso. A complicare le cose, c’è un documentato “effetto placebo”, il che significa che alcune persone rispondono effettivamente a un placebo anche se non dovrebbe avere un effetto sul corpo. Si è pensato che ciò fosse in gran parte dovuto alle loro convinzioni o aspettative di ricevere il vero trattamento e non quello falso.reduslim medico Ma cosa succederebbe se alle persone fosse stato detto, in anticipo, che stavano assumendo un placebo e non un farmaco attivo? È ovvio che il placebo non avrebbe alcun effetto. Destra? Sbagliato. Cosa può fare per te un “placebo in aperto” Dr. Ted J. Kaptchuk, professore di medicina presso la Harvard Medical School e direttore dell’Harvard-wide Program in Placebo Studies and the Therapeutical Encounter (PiPS) presso Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, studia i placebo da più di 20 anni. Il suo lavoro più recente su questi “placebo in aperto”, come vengono chiamati, è affascinante. Ho avuto la possibilità di intervistarlo di persona all’inizio di quest’anno.

In uno studio, Kaptchuk ha esaminato le persone con sindrome dell’intestino irritabile (IBS), una condizione comune che causa crampi addominali e diarrea o costipazione che può essere debilitante per molti. A metà dei volontari dello studio è stato detto che stavano assumendo un placebo “in aperto” e gli altri non hanno ricevuto nulla. Ha scoperto che c’era un miglioramento drammatico e significativo nei sintomi dell’IBS del gruppo placebo, anche se gli era stato esplicitamente detto che stavano assumendo una “pillola di zucchero” senza alcun farmaco attivo. Kaptchuk dice che i placebo non funzionano per ogni situazione medica, ad esempio non possono abbassare il colesterolo o curare il cancro. Ma possono funzionare per condizioni definite da sintomi di “auto-osservazione” come dolore, nausea o stanchezza. “Le persone possono ancora ottenere una risposta al placebo, anche se sanno di essere sotto un placebo”, aggiunge. “Non è necessario l’inganno o l’occultamento per molte condizioni per ottenere un effetto placebo significativo e significativo.” I placebo in aperto sono una nuova strategia promettente? Kaptchuk afferma che sono necessarie ulteriori ricerche, e alcune sono attualmente in corso. Ha un altro studio presso il Dana-Farber Cancer Institute che studia l’affaticamento correlato al cancro. E un recente studio all’estero che esamina il placebo in aperto per la lombalgia cronica sembra promettente. Se il placebo funziona per il dolore cronico, spiega Kaptchuk, potrebbe consentire ai pazienti di ridurre le loro dosi di farmaci oppioidi e aiutare a prevenire la dipendenza. “La nostra speranza è che in condizioni in cui il placebo in aperto potrebbe essere prezioso, invece di mettere immediatamente le persone sui farmaci – per depressione, dolore cronico, stanchezza – che le persone vengano sottoposte a placebo”, afferma Kaptchuk. “Se funziona, bene. In caso contrario, passa alla droga. ” Informazioni correlate: Sollievo dal dolore: rimedi naturali e alternativi senza … Stampa L’avete sentito mille volte: la chiave per un cuore e un cervello sani è una dieta sana. Per un numero crescente di persone, una dieta in stile mediterraneo è stata il sostituto della “dieta sana”. Un importante studio clinico condotto in Spagna, noto con l’acronimo PREDIMED, ha posto il piano alimentare mediterraneo su basi scientifiche più solide. L’anno scorso, i ricercatori di PREDIMED hanno riferito che mangiare in stile mediterraneo, ricco di frutta, verdura e oli vegetali sani, previene infarti, ictus e morte per malattie cardiache. Questa settimana sul Journal of the American Medical Association, riportano che una dieta sana in stile mediterraneo può anche aiutare a prevenire la malattia delle arterie periferiche (PAD), una forma di “indurimento delle arterie”. La PAD si verifica quando i depositi di grasso ostruiscono le arterie che forniscono sangue a parti del corpo oltre il cuore e il cervello, come le gambe, le braccia e l’addome. “A nostra conoscenza, questo è il primo studio randomizzato di prevenzione primaria a suggerire un’associazione tra un intervento dietetico e [ridotto rischio di] PAD”, hanno scritto gli autori dello studio.

È una scoperta importante. Fino a 12 milioni di americani, la maggior parte dei quali più anziani, hanno la PAD. Può causare dolore alle gambe quando si cammina che va via con il riposo (chiamato claudicatio intermittente); un indebolimento dell’aorta, la principale conduttura che trasporta il sangue al corpo; dolore dopo aver mangiato; disfunzione erettile; e altri problemi. Sebbene i risultati fossero solidi, tieni presente che sono preliminari. Per prima cosa, PREDIMED non è stato progettato per rilevare un effetto della dieta sul rischio di sviluppare PAD, anche se non è difficile immaginare che sia in grado di farlo, dato l’effetto della dieta sulla salute del cuore e delle arterie. Per essere scrupolosamente scientifici, tali scoperte accidentali devono essere confermate con uno studio specificamente mirato alla PAD. Prove migliori Ma nel suo insieme, lo studio PREDIMED ha fatto molta strada per mettere un’alimentazione sana alla pari con i farmaci come un modo per prevenire malattie cardiache e ictus. Molti studi precedenti hanno osservato che le persone che mangiavano alla maniera mediterranea sembravano essere più sane di altre, ma solo uno studio clinico randomizzato può individuare causa ed effetto. “PREDIMED è uno studio randomizzato e, come tale, fornisce prove di qualità superiore rispetto alle prove di studi osservazionali sui benefici per la salute della dieta mediterranea”, afferma il dott.

Dimitrios Trichopoulos, un epidemiologo della Harvard School of Public Health che ha condotto alcuni di questi studi. In spagnolo, PREDIMED sta per Prevención con Dieta Mediterránea, o “prevenzione con la dieta mediterranea”. La dieta mediterranea non è una ricetta alimentare specifica, ma piuttosto uno stile alimentare generale che enfatizza alcuni cibi sani e riduce al minimo altri cibi meno salutari. La miscela di base è una varietà di frutta, verdura, noci e semi, insieme a un consumo moderato di pesce, pollame, latticini, uova e olio d’oliva e carne rossa e lavorata minima. Alcune culture che prediligono le diete in stile mediterraneo possono includere un bicchiere di vino rosso ai pasti, ma non è obbligatorio. In PREDIMED, quasi 7.500 uomini e donne sono stati assegnati in modo casuale ad adottare una delle tre diete: una dieta a ridotto contenuto di grassi o una dieta mediterranea integrata con generose quantità di noci o olio extravergine di oliva. I partecipanti avevano un’età compresa tra i 55 e gli 80 anni e ad alto rischio di malattie cardiovascolari, ma erano ancora sani al momento in cui sono entrati nello studio.

Come riportato in precedenza nel New England Journal of Medicine, lo studio ha rilevato che una dieta mediterranea riduce il rischio di problemi cardiovascolari di circa il 30%. In un rapporto più recente di PREDIMED, la versione integrata con olio d’oliva della dieta mediterranea ha ridotto il rischio di sviluppare il diabete del 40%. Come diventare mediterraneo Non è difficile iniziare con uno stile alimentare mediterraneo. Ecco alcuni suggerimenti generali per la cucina e la pianificazione dei pasti tratti dalla Harvard Health Letter per aiutarti a fare la transizione: Sauté food in olive oil, not butter. Prepara i tuoi condimenti per insalata con olio extravergine di oliva, che viene spremuto meccanicamente da olive mature e lavorato senza calore elevato o solventi chimici. Questo protegge le sostanze sane nell’olio. Mangia più verdure facendole come spuntino o aggiungendole ad altre ricette.

Includere una porzione di frutta con colazione e dessert. Scegli cereali integrali invece di pane e pasta raffinati. Incorporare fagioli, lenticchie e altri legumi in insalate e contorni. Sostituisci il pesce con la carne rossa almeno due volte a settimana. Se non ti piace il pesce, usa fagioli o pollame per ottenere le tue proteine. Limita i latticini ad alto contenuto di grassi passando al latte scremato o all’1% dal 2% o al latte intero. Aggiungere una modesta porzione di noci al grano cotto e ai contorni e cospargere noci e semi sulle insalate. Informazioni correlate: Alimentazione sana per un cuore sano Stampa CONTENUTO ARCHIVIO: Come servizio per i nostri lettori, Harvard Health Publishing fornisce l’accesso alla nostra libreria di contenuti archiviati. Si prega di notare la data in cui ogni articolo è stato pubblicato o l’ultima recensione. Nessun contenuto di questo sito, indipendentemente dalla data, deve mai essere utilizzato come sostituto del consiglio medico diretto del proprio medico o di un altro medico qualificato. Raggiungere un peso sano e rimanere lì è un modo importante per prevenire malattie cardiache, diabete, alcuni tipi di cancro e altre gravi condizioni. Molti di noi sanno in prima persona quanto sia difficile raggiungere e mantenere quel peso sano.

E non mancano i modi per provare ad arrivarci: puoi contare calorie, carboidrati o punti. Puoi ridurre il grasso o lo zucchero. Puoi provare un numero qualsiasi di diete popolari che vietano determinati alimenti o concentrarti su uno solo (la dieta del pompelmo, chiunque?). Ognuno di questi approcci potrebbe funzionare per te. Oppure no, in gran parte perché sono complicati. Uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine di oggi suggerisce che qualcosa di semplice come mirare a mangiare 30 grammi di fibre ogni giorno può aiutarti a perdere peso, abbassare la pressione sanguigna e migliorare la risposta del tuo corpo all’insulina con la stessa efficacia di una dieta più complicata. . I ricercatori della University of Massachusetts Medical School hanno confrontato l’efficacia di due diete con l’aiuto di 240 volontari. Alla metà è stato chiesto di seguire la dieta dell’American Heart Association (AHA) per prevenire le malattie cardiache, in cui si cerca di mangiare più frutta, verdura, cibi ricchi di fibre, pesce e proteine ​​magre, ma anche di ridurre il sale, lo zucchero, i grassi, e alcol. All’altra metà è stato chiesto di seguire una dieta in cui l’unico obiettivo era mangiare 30 grammi o più di fibre ogni giorno. Nessuno dei due gruppi ha ricevuto consigli o raccomandazioni per l’esercizio. Tutti i volontari avevano la sindrome metabolica, cioè tutti avevano la pressione alta, glicemia alta e colesterolo alto ed erano in sovrappeso.

Questo gruppo di problemi di salute aumenta notevolmente il rischio di sviluppare diabete, malattie cardiache e ictus. I partecipanti in ogni gruppo hanno una media di 19 grammi di fibre al giorno. Entrambi i gruppi hanno perso peso, abbassato la pressione sanguigna e migliorato la risposta all’insulina. Quelli che seguono la dieta AHA hanno perso un po ‘più di peso (5,9 libbre) rispetto a quelli della dieta ricca di fibre (4,6 libbre), ma entrambi i gruppi sono stati in grado di mantenere la loro perdita di peso per 12 mesi. I risultati dello studio non dimostrano che una dieta ricca di fibre è necessariamente buona (o migliore) per la salute rispetto alla dieta AHA o alla dieta mediterranea altamente in voga. Quello che ci dice è che un semplice passaggio può fare la differenza e che incoraggiare comportamenti sani può essere più efficace di scoraggiare quelli malsani. “Oltre al controllo del peso, le diete più ricche di fibre possono anche aiutare a prevenire il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari”, afferma il dottor Frank Hu, professore di medicina presso la Harvard Medical School e professore di nutrizione ed epidemiologia presso la Harvard School of Public Health. Ma, ha ammonito, è meglio ottenere fibre dal cibo, non dagli integratori. Aggiungere fibre alla tua dieta può essere facile e delizioso (vedi “Buone fonti di fibre” di seguito).

Un cereale ricco di fibre o una farina d’avena con frutti di bosco in cima è un ottimo modo per iniziare la giornata. A pranzo, goditi un’insalata cosparsa di ceci o fagioli e alcune noci (mandorle, arachidi, noci o noci pecan). Fai un soffritto per cena usando una varietà di verdure e aggiungi semi di zucca o di girasole. Gli snack offrono un’altra opportunità per ottenere fibre. Frutta intera, noci e semi o un frullato di bacche con crusca di frumento o semi di lino sono buone opzioni, così come frutta secca (prugne, uvetta), popcorn e salse di fagioli abbinati a verdure o cracker integrali. Buone fonti di fibra Alimento Dimensione della dose Fibra (grammi) CEREALI Fibra Una tazza ½ 14 Tutta crusca ½ tazza 10 Grano sminuzzato 1 tazza 6 Farina d’avena (cotta) 1 tazza 4 GRANI Orzo (cotto) 1 tazza 9 Riso integrale (cotto) 1 tazza 4 PRODOTTI DA FORNO Pane integrale 1 fetta 3 Muffin alla crusca 1 2 VERDURE Spinaci 1 tazza cotti 4 Broccoli ½ tazza 3 Cavolini di Bruxelles ½ tazza 2 Carote 1 media 2 Fagiolini ½ tazza 2 LEGUMI Fagioli borlotti (cotti) ½ tazza 6 Fagioli Lima ( cotto) ½ tazza 6 fagioli al forno (in scatola) * ½ tazza 5 FRUTTA Pera (con buccia) 1 media 6 Mela (con buccia) 1 media 4 Banana 1 media 3 FRUTTA SECCA Prugne 6 12 Uvetta ¼ tazza 2 NOCI E SEMI Arachidi * 10 1 Popcorn * 1 tazza 1 * Scegli le versioni senza sale o a basso contenuto di sale di questi alimenti. Informazioni correlate: Alimentazione sana: una guida alla nuova alimentazione Stampa Viaggiare con i bambini può essere un ottimo modo per esplorare nuovi posti, trascorrere del tempo insieme come famiglia e visitare gli amici e i familiari che non vivono nelle vicinanze. Per avere il viaggio più sicuro e più sano possibile, tieni presente questi consigli di viaggio. Porta le cose importanti dal tuo armadietto dei medicinali Imballa i medicinali soggetti a prescrizione che tuo figlio prende.

Assicurati di averne abbastanza per l’intero viaggio. Porta con te medicinali da banco di uso comune, come paracetamolo (Tylenol) o ibuprofene (Advil, Motrin), pomate antibiotiche, farmaci per il raffreddore (come raccomandato dal medico) e difenidramina (Benadryl). Porta con te un termometro e qualche cerotto in ogni viaggio; possono tornare molto utili. Considera anche un paio di pinzette, se tuo figlio si scheggia spesso.

Yoruma kapalı.